mercoledì 8 febbraio 2012

Mario Monicelli ( II )

I film di Monicelli che ho visto per intero:
Totò e Carolina (1955 Totò, Annamaria Ferrero, A.Foà) ***
I soliti ignoti (1958, V.Gassman, Totò, M.Mastroianni, C.Gravina) ****
La grande guerra (1959 V.Gassman, A.Sordi. S.Mangano, Romolo Valli) ****
Boccaccio '70 (1962 - episodio Renzo e Luciana) ***
L'armata Brancaleone (1966 V.Gassman, GM Volontè, C.Spaak, F.Lulli) ****
La ragazza con la pistola (1968 M.Vitti, C.Giuffré) **
Brancaleone alle crociate (1970 V.Gassman, S.Sandrelli, A.Celi, L.Proietti) ****
Romanzo popolare (1974 U.Tognazzi, O.Muti, M.Placido) ***
Amici miei (1975 U.Tognazzi, Ph.Noiret, G.Moschin, D.Del Prete, A.Celi) **
Vogliamo i colonnelli (1973 U.Tognazzi, C.Dauphin, Carla Tatò) ***
Caro Michele (1976 M.Melato, D.Seyrig, Lou Castel) **
Un borghese piccolo piccolo (1977 A.Sordi, S.Winters, R.Valli, V.Crocitti) **
I nuovi mostri (1977 - episodi Autostop e First Aid ) *
Il marchese del Grillo (1981 A.Sordi, P.Stoppa, F.Bucci) *
Amici miei atto II (1982 U.Tognazzi, Ph.Noiret, G.Moschin, R.Montagnani, A.Celi) **
Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno (1984 U.Tognazzi, M.Nichetti, L.Arena) *
Speriamo che sia femmina (1986 Liv Ullmann, C.Deneuve, B.Blier, G.Gemma, Ph.Noiret)**
La moglie ingenua e il marito malato (1989 F.Rey, G.Benti, C.Giuffré, S.Sandrelli)**
Rossini! Rossini! (1991 Ph.Noiret, S.Castellitto, J.Bisset, S.Azéma, G.Gaber) **
Le rose del deserto (2006 A.Haber, M.Placido, G.Pasotti) ****
I film di Monicelli che ho sicuramente visto o guardicchiato in tv:
Totò cerca casa (1949) Al diavolo la celebrità (1949) Totò e i re di Roma (1951) Guardie e ladri (1951) Un eroe dei nostri tempi (1955) I compagni (1963) Toh, è morta la nonna! (1969) La mortadella (1971) Signore e signori, buonanotte (1976) Le due vite di Mattia Pascal (1985) I picari (1988) Parenti serpenti (1992) Cari fottutissimi amici (1994).
I primi film di questa serie, quelli con Totò, sono a firma Steno-Monicelli: Steno è Stefano Vanzina. Da “Un eroe dei nostri tempi” in avanti Monicelli girerà i suoi film da solo. Non mi sembra il caso di parlare per esteso dei film di Totò e Aldo Fabrizi: sono ormai dei classici, sempre molto divertenti, li rivedo sempre con molto piacere.
Invece devo purtroppo dire di alcuni di questi film, i più recenti, che li ho guardati per intero e da allora cerco di dimenticarli. Che Monicelli mi perdoni, mica sempre le ciambelle riescono col buco.
E’ invece bellissimo l’ultimo film di Monicelli, “Le rose del deserto”: alla prima visione non dice moltissimo, ma rimane nella memoria e pian piano si conquista un posto di rilievo.
I film di Monicelli come sceneggiatore sono moltissimi, fin dal 1935 di “I ragazzi della via Paal”, da Molnar, regia dello stesso Monicelli (1935). Poi vengono, sempre secondo wikipedia: Pioggia d'estate, regia di Mario Monicelli (1937) La granduchessa si diverte, regia di Giacomo Gentilomo (1940) Brivido, regia di Giacomo Gentilomo (1941) La donna è mobile, regia di Mario Mattoli (1942) Cortocircuito, regia di Giacomo Gentilomo (1943) Il sole di Montecassino, regia di Giuseppe Maria Scotese (1945) Aquila nera, regia di Riccardo Freda (1946) Gioventù perduta, regia di Pietro Germi (1947) La figlia del capitano, regia di Mario Camerini (1947) Il corriere del re, regia di Gennaro Righelli (1947) I Miserabili, regia di Riccardo Freda (1948) L'ebreo errante, regia di Goffredo Alessandrini (1948) Il cavaliere misterioso, regia di Riccardo Freda (1948) Accidenti alla guerra!..., regia di Giorgio Simonelli (1948) Totò cerca casa, regia di Steno e Mario Monicelli (1949) Il lupo della Sila, regia di Duilio Coletti (1949) Il conte Ugolino, regia di Riccardo Freda (1949) Al diavolo la celebrità, regia di Mario Monicelli e Steno (1949) Come scopersi l'America, regia di Carlo Borghesio (1949) Follie per l'opera, regia di Mario Costa (1949) È arrivato il cavaliere, regia di Mario Monicelli e Steno (1950) Il brigante Musolino, regia di Mario Camerini (1950) Botta e risposta, regia di Mario Soldati (1950) L'inafferrabile 12, regia di Mario Mattoli (1950) Vita da cani, regia di Mario Monicelli e Steno (1950) Soho Conspiracy, regia di Cecil H. Williamson (1950) Quel bandito sono io (Her Favorite Husband), regia di Mario Soldati (1950) Vendetta... sarda, regia di Mario Mattoli (1951) Totò e i re di Roma, regia di Steno e Mario Monicelli (1951) Tizio, Caio, Sempronio, regia di Marcello Marchesi, Vittorio Metz e Alberto Pozzetti (1951) È l'amor che mi rovina, regia di Mario Soldati (1951) Core 'ngrato, regia di Guido Brignone (1951) Il tradimento, regia di Riccardo Freda (1951) Accidenti alle tasse!!, regia di Mario Mattoli (1951) Amo un assassino, regia di Baccio Bandini (1951) Guardie e ladri, regia di Mario Monicelli e Steno (1951) O.K. Nerone, regia di Mario Soldati (1951) Totò e le donne, regia di Steno e Mario Monicelli (1952) Totò a colori, regia di Steno (1952) Cinque poveri in automobile, regia di Mario Mattoli (1952) Cani e gatti, regia di Leonardo De Mitri (1952) Un turco napoletano, regia di Mario Mattoli (1953) Il più comico spettacolo del mondo, regia di Mario Mattoli (1953) Cavalleria rusticana, regia di Carmine Gallone (1953) Le infedeli, regia di Mario Monicelli e Steno (1953) Perdonami!, regia di Mario Costa (1953) Giuseppe Verdi, regia di Raffaello Matarazzo (1953) Violenza sul lago, regia di Leonardo Cortese (1954) Guai ai vinti, regia di Raffaello Matarazzo (1954) Proibito, regia di Mario Monicelli (1954) Totò e Carolina, regia di Mario Monicelli (1955) Un eroe dei nostri tempi, regia di Mario Monicelli (1955) La donna più bella del mondo, regia di Robert Z. Leonard (1955) Donatella, regia di Mario Monicelli (1956) Il medico e lo stregone, regia di Mario Monicelli (1957) Padri e figli, regia di Mario Monicelli (1957) I soliti ignoti, regia di Mario Monicelli (1958) Ballerina e Buon Dio, regia di Antonio Leonviola (1958)
La grande guerra, regia di Mario Monicelli (1959) Risate di gioia, regia di Mario Monicelli (1960) A cavallo della tigre, regia di Luigi Comencini (1961) Da qui in avanti, Monicelli scrive quasi soltanto per i suoi film, con qualche eccezione: Frenesia dell'estate, regia di Luigi Zampa (1963) Gran bollito, regia di Mauro Bolognini (1977)
Come attore, Monicelli fa solo qualche breve apparizione in questi film: Rue du Pied de Grue, regia di Jean-Jacques Grand-Jouan (1979) Sono fotogenico, regia di Dino Risi (1980) La vera vita di Antonio H., regia Enzo Monteleone (1994) Il ciclone, regia di Leonardo Pieraccioni (1996, la voce del nonno) Sotto il sole della Toscana (Under the Tuscan Sun), regia di Audrey Wells (2003) SoloMetro, regia di Marco Cucurnia (2007) L'ultima zingarata, regia di Federico Micali (2010)
(Ovviamente, l'elenco completo dei film di Mario Monicelli è molto più lungo, mi servirebbero quattro pagine solo per questo...Ma ci sono diversi libri e siti internet che lo hanno già fatto meglio di quanto potrei fare io, per fortuna)
(continua)

2 commenti:

Mat ha detto...

Una filmografia davvero sterminata, quella di Monicelli! Io ho invece visto i seguenti: I soliti ignoti (1958), La grande guerra (1959), L'armata Brancaleone (1966),
Brancaleone alle crociate (1970), Amici miei (1975), I nuovi mostri (1977), Il marchese del Grillo (1981), Amici miei atto II (1982), Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno (1984), I Picari (1987) e Parenti Serpenti (1992).

Speriamo che sia femmina (1986) invece non sono mai riuscito a vedermelo per intero: alla lunga perdevo l'interesse e cambiavo canale!

Giuliano ha detto...

Monicelli era il più vecchio, e ha fatto film fino a novant'anni, particamente senza fermarsi.
Invidio molto quel giro di attori, registi, sceneggiatori! Potessi scegliere, avrei voluto essere uno di loro, penso che si siano divertiti un bel po'...
:-)
ma se dovessi proprio scegliere che avrei voluto essere io, direi Zavattini con De Sica, 1945-1965 !